Non tuffarti sudato in acqua!

Quando fa caldo il pensiero è fisso: entrare in acqua per rinfrescarsi. Un tuffo nell’acqua fredda può essere rinfrescante ma, a causa dello shock termico, può anche mettere in pericolo la vita. Qui di seguito vi spieghiamo cosa succede al corpo in tali situazioni e quali semplici accorgimenti vi permettono di evitare questo pericolo.

    

 

Lo shock termico e le sue conseguenze

Le grandi differenze di temperatura tra l’acqua (p. es. 18°C) e l’aria (30°C) rappresentano un’enorme fonte di stress per il corpo. Un tuffo nell’acqua fredda senza un momento per abituarsi causa un restringimento improvviso delle vene e un sensibile aumento della pressione sanguigna. L’enorme pressione sulla circolazione sanguigna nel peggiore dei casi può portare a un infarto cardiaco o a un ictus. Particolarmente a rischio sono gli anziani e le persone con un sistema cardiovascolare già debole. Tuttavia anche i dolori muscolari, che possono portare a crampi, sono la conseguenza di un mancato tempo di adattamento. Una conseguenza che in acqua può avere effetti letali se non si riesce più a tornare a riva.

 

Prevenzione con misure semplici

Se si abitua gradualmente il corpo alla differenza di temperatura, i rischi possono essere ridotti al minimo. La misura più semplice consistente nel fare una doccia prima di entrare in acqua. Se non è disponibile alcuna doccia, l’alternativa è entrare lentamente in acqua, immergendo un braccio dopo l’altro e bagnando il viso e il busto. In questo modo il corpo può abituarsi gradualmente alla temperatura fresca dell’acqua ed è possibile divertirsi in acqua in tutta sicurezza.

 

Attenzione all’ipotermia

Una volta in acqua ci si può godere appieno il refrigerio, senza dimenticare però di uscire per tempo prima di iniziare ad avere freddo. In caso di ipotermia il corpo utilizza l’energia rimanente per rifornire gli organi vitali e per mantenere la temperatura corporea. Ciò causa una diminuzione graduale dell’energia cinetica. Spesso al nuotatore mancano quindi le forze per raggiungere la riva.

    

In breve si può dire che: sebbene il tuffo in acqua fredda sia molto invitante, date tempo al vostro organismo per abituarsi alla differenza di temperatura e ascoltate i segnali del vostro corpo. Vi auguriamo tanto divertimento attorno all’acqua, in acqua e sull’acqua.

 
 

Salvate vite ora!

La vostra donazione permette di diffondere le Regole per il bagnante della SSS e di aumentare la sicurezza in acqua in Svizzera.

Donate subito!
 

 

SSS e Visana

Insieme per le Regole per il bagnante