Gare di nuoto di salvataggio in Svizzera

Negli ultimi anni le gare di nuoto di salvataggio in Svizzera sono state contraddistinte da importanti cambiamenti. Desideriamo pertanto illustrare questo argomento più nel dettaglio. Quali sono gli effetti di questi cambiamenti? In futuro, quali gare si svolgeranno in Svizzera? E come si presenta il possibile futuro per quanto concerne le gare di nuoto di salvataggio? 

   

Negli ultimi anni, le gare di nuoto di salvataggio in Svizzera sono state oggetto di accese discussioni. Il futuro dei campionati svizzeri a staffetta, in particolare, agita comprensibilmente gli animi. Queste competizioni sono nate dalle riunioni delle sezioni tenutesi a livello nazionale a partire dagli anni ʼ60 e sono pertanto profondamente radicate nella SSS. 

    

I cambiamenti avvenuti negli ultimi anni nellʼambito delle gare di nuoto di salvataggio in Svizzera riflettono ampi mutamenti sociali. Ciò influisce di rimando sulle condizioni quadro giuridiche degli eventi. Lo svolgimento dei campionati svizzeri a staffetta è diventato sempre più complicato e costoso (diverse esigenze di sicurezza; restrizioni allʼuso di strutture pubbliche, ecc.). Al contempo, i cambiamenti sociali influiscono negativamente sulla volontà e la capacità di organizzare tali eventi come opera di volontariato. Il lavoro retribuito, dʼaltra parte, non è unʼopzione, poiché la sostenibilità finanziaria di uno sport senza una presenza televisiva conosce chiari limiti. 

     

Anche la SSS deve affrontare questo cambiamento evolvendo in modo autonomo, cosa che ha fatto negli ultimi anni. Un evento complesso come i Campionati Svizzeri a staffetta, probabilmente in futuro non potrà più essere coordinato ogni anno da un organizzatore diverso. Questo tuttavia non si applica alle gare di un giorno meno impegnative. In questo caso, lʼofferta è andata aumentando anziché diminuire negli ultimi anni; anche la gamma di offerte è stata ampliata. Diverse sezioni e vari nuotatori e nuotatrici di salvataggio hanno scoperto la disciplina del nuoto in acque libere, ossia nel lago, con le offerte di competizione che ne sono derivate. 

     

Da questo punto di vista, un simile cambiamento non è di per sé negativo, poiché offre nuovi scenari e nuove opportunità. Nella società odierna vi è un bisogno sempre maggiore di trascorrere il proprio tempo libero attorno, in e su laghi e fiumi. Si tratta di una grande opportunità per la SSS per differenziarsi ancora di più dal nuoto classico, posizionandosi in modo autonomo. Si tratta di una fortunata coincidenza il fatto che nel nuoto di salvataggio esistano già diverse discipline che si svolgono su e in acque libere.

      

Promuovendo gare di nuoto di salvataggio meno costose sia in piscina che in acque libere, la SSS affronta attivamente i cambiamenti sociali in atto. In futuro, questo ci consentirà anche di selezionare la nuotatrice/il nuotatore di salvataggio più completo tra i nostri ranghi nellʼambito dello Swiss Lifesaving Trophy. Si tratta di nuotatrici e nuotatori di salvataggio che vantano una tecnica di nuoto e di immersione eccellente e completa: sono rapidi con le pinne, sanno come utilizzare una cintura di salvataggio, padroneggiano il rescue board e sono fisicamente in perfetta forma. Presupposti di base perfetti per svolgere attività quali la sorveglianza delle acque, nonché servizi di sicurezza e salvataggio nei laghi e nei fiumi. 

     

Panoramica delle gare di nuoto di salvataggio da novembre 2019
 

Uno sguardo al futuro

Dalla panoramica delle gare di nuoto di salvataggio si evince rapidamente che la maggior parte delle gare nazionali sono accessibili solo a partire dai 16 anni. Si tratta di una scelta consapevole. Dopo la creazione dello Swiss Lifesaving Trophy e della Swiss Pool Lifesaving Cup, SSS Svizzera desidera concentrare lʼattenzione su forme di competizioni adeguate allʼetà di bambini e giovani. Un primo campo di attività del nuovo Gruppo specializzato «Sport» sarà quello di fornire alle sezioni e alle regioni idee facilmente implementabili per competizioni a livello locale e regionale adeguate allʼetà. Come, ad esempio, fa già oggi la sezione SSS Thun-Oberland nel suo «incontro giovanile di Oberhofen».

      

È inoltre importante collegare fra loro i contenuti dei corsi di formazione e aggiornamento G+S, nonché le forme di competizione e le discipline nellʼambito del nuoto di salvataggio. Il lavoro necessario potrebbe essere intensificato con lʼassunzione di Daniela Reichmuth quale «Responsabile della formazione degli allenatori».

 

Domande e informazioni

Le seguenti persone di contatto sono a disposizione per ulteriori informazioni relative al nuoto di salvataggio in Svizzera e alla sua evoluzione, a seconda dellʼargomento:

 

Argomento «gare»

Portrait Reto Abächerli

 

Reto Abächerli

Responsabile Nuoto di salvataggio come sport

 

041 925 88 77

r.abaecherli@sss.ch

 

 

 

 

Argomento«G+S»

   

Daniela Reichmuth

Responsabile della formazione degli allenatori

     

041 925 88 73

d.reichmuthanti spam bot@sssanti spam bot.ch

 

Argomento «quadri nazionali»

    

Monika Brandt

Responsabile delle sport agonistico

    

041 925 89 01

m.brandtanti spam bot@sssanti spam bot.ch